Fanget an!

Screenshot_2016-05-14-19-05-32-1Alla vigilia della prima de Die Meistersinger von Nurnberg alla Bayerische Staatsoper di Monaco, nuova produzione con Kirill Petrenko nel golfo mistico, David Boesch alla regia, e un cast di prim’ordine comprendente tra gli altri Jonas Kaufmann al suo debutto scenico nel ruolo di Walther von Stolzing,  Wolfgang Koch come Hans Sachs e Markus Eiche come Beckmesser, è quasi inevitabile riflettere sul significato simbolico e sull’autobiografismo presenti in questo capolavoro del Wagner maturo.

La gestazione dell’opera fu lunga e laboriosa come per Gotterdammerung e Parsifal,  tant’è che già nel 1845 il musicista aveva pensato di dedicarsi alla composizione di un’opera che potesse in un certo qual modo affiancare lo sfortunato Tannhauser, riprendendo il tema della sfida tra cantori ma in un contesto comico e con un conseguente happy ending. Il teatro greco, ancora una volta, era stato fonte di ispirazione, dal  momento che, nell’antica Atene,  spesso ad una tragedia seguiva un dramma satiresco incentrato sullo stesso argomento. Il primo abbozzo in prosa della nuova opera fu però ben presto accantonato, per essere ripreso solamente nel 1861 durante lo sfortunato soggiorno parigino in occasione della nuova fischiatissima edizione del Tannhauser,  per poi essere completato nel 1876. In questo ventennale lasso di tempo l’uomo Wagner era molto cambiato. Il trentenne compositore dall’ impeto anarchico non si identificava più con Walther, il giovane presuntuoso che avrebbe dovuto ricoprire il ruolo del protagonista. Era un uomo di mezza età gravato da una condizione personale e professionale disastrosa fatta di debiti, di insuccessi clamorosi e di un matrimonio in via di dissoluzione.

Screenshot_2016-05-14-19-08-51

Quale migliore substrato per la creazione del personaggio Hans Sachs, archetipo dell’ eroe schopenaueriano rivelato nel sublime monologo del III atto articolato tra riflessioni sul destino dell’uomo,  su illusioni e sogni e la conseguente rinuncia all’amore embrionale per Eva. È qui che il cinquantenne Wagner ricorre all’autoimprestito,  dissolvendo brevemente l’universo sonoro di Meistersinger in quello tristanesco. Fa capolino il motivo di Isotta che si intreccia con il dolore bruciante di Re Marke alla scoperta del tradimento, e per alcune battute Sachs canta proprio su quel  tessuto orchestrale in un attimo di rassegnata sospensione. Ecco la rinuncia ad Eva e poi il ritorno alla cornice di Norimberga.  Nel monologo sulla follia del  mondo Wahn!  Wahn!  Uberall Wahn ! ci sono racchiusi il velo di Maya così come il pendolo della vita di Schopenauer interiorizzati in uno scoperto autobiografismo.  L’artista maturo si confronta con l’enfant terrible che era, Sachs visto come naturale evoluzione dell’uomo e artista Walther. Il giovane eroe impetuoso ed egocentrico,  incurante del mondo esterno, irridente e spocchioso, imparerà a dominarsi, ad accettare autorità e regole laddove  necessarie, in un percorso di crescita ed autocoscienza.  Niente di più simile allo stesso processo evolutivo vissuto da Wagner, passato dalla giovanile furia ribelle contro le convenzioni dell’opera,  al ritorno trionfale alle stesse in  un tripudio di corali, pezzi chiusi ed arte contrappuntistica. Del resto qui il preludio cos’è se non un poema sinfonico in  puro stile lisztiano, articolato nei quattro movimenti canonici compressi in un’unica composizione? E il Preislied con il quale Walther vince la gara e si aggiudica la mano di Eva,  non è forse la più convenzionale delle arie nella sua trasfigurata bellezza?

Sentiremo lunedì 16 se la grande attesa che ogni nuova produzione di Meistersinger genera sarà stata giustificata. Sarà infatti possibile ascoltare la diretta a partire dalle ore 16.00 su Rai radio 3.

FB_IMG_1463261712170

Categorie: Bayerische Staatsoper, Opera Lirica, Senza categoria, Wagner | Tag: , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “Fanget an!

  1. Mariella Pandolfi

    Grazieeeeeeeee. Ottima riflessione. Caterina la grande!

    Liked by 1 persona

  2. Wagner immenso, per la verità😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: