Il legame indissolubile Wotan Brunnhilde

20160707_110444

Renè Pape è appeso al leggio e suda copiosamente. La grande sala della Festspielhaus di Baden Baden è effettivamente immersa in una sorta di bruma  uscita da un romanzo gotico, molto appropriata a voler considerare il milieu mitologico nordico dal quale discende la wagneriana saga dei Nibelunghi, se solo quest’aere brumoso non fosse così caldo. E allora chiudiamo gli occhi, meglio…..li fissiamo via via sui violini primi, sull’oboe che scava nell’animo, sui tromboni che erompono qua e là e su Valery Gergiev che, implacabile, tiene in riga la sua orchestra del Mariinsky. Il racconto di Wotan che riannoda i fili della vicenda, vero fulcro della Tetralogia, esce tortuoso  e scuro dalle labbra di Renè Pape. Emerge sopra la linea livida dei contrabbassi, Brunnhilde ascolta ma è come se il dio si spersonalizzasse parlando a se stesso mit mir nur rat’ich, red’ich zu dir. La consapevolezza del fallimento e della rovina di un mondo fondato sull’inganno si materializza nell’affranto Das Ende! Das Ende! 

FB_IMG_1468507758943

photo Helga Geistanger

Il basso tedesco attira a sè tutto l’atto secondo in un canto ipnotico e tutto interiorizzato; non c’è tempo per registrare nè l’immagine di un fazzoletto immacolato che tampona fronte e guance nè quella della mano che volta pagina dopo pagina. Wotan è ormai sconfitto e doppiamente trafitto nell’affetto  paterno.Singolare come Wagner che riteneva l’unione spirituale e carnale come la più alta forma d’amore (e in Valchiria essa si sublima nel rapporto Sieglinde-Siegmund) abbia dato vita con una perfetta commistione tra testo poetico e musica  ad una incarnazione straordinariamente totalizzante del legame padre-figlia nella coppia Wotan-Brunnhilde. La discolpa della figlia prediletta e poi il commiato da lei dell’atto terzo, per astrazione  ci  immergono nel mito greco. Atena generata per partenogenesi da Zeus sono forse una suggestione che il compositore ha subito e davvero l’Abschied con il suo incomparabile carico emotivo  esige la massima concentrazione dall’esecutore…

20160714_165246-1

Brunnhilde ha appena letto nell’intimo del padre il tormento del dio che si dibatte fra i lacci delle regole da lui stesso imposte e incise sulla sua lancia. Evelyn Herlitzius, novella Atena wagneriana, da supplice ritorna ardita ed appassionata. Il piccolo elfo fiammeggiante scioglie l’ira di Wotan e la metamorfosi dei due personaggi è compiuta. Non più das Ende, vertice assoluto del pessimismo di Schopenauer nel percorso creativo del compositore, ma la rinascita della speranza e la vittoria del più puro amore paterno nel bacio struggente con il quale il dio si congeda dalla sua figlia adorata. So kuesst er die Gottheit von dir e la voce nuda di Pape indugia su kuesst con tutta la dolcezza che  solo un vero cantante-attore può mostrare. Si esce storditi dalla Festspielhaus di Baden Baden, i Leitmotiv intrecciati ronzano nella mente tra immagini di grandi mazzi di fiori che omaggiano gli artisti e la standing ovation di un pubblico riconoscente che lascia il teatro immerso in una speranza rinata, la speranza in un amore salvifico.

FB_IMG_1468507729867-1

photo Helga Geistanger

 

Categorie: Baden Baden Sommerfestspiele, Festival estivi, Opera Lirica, Wagner | Tag: , , , , , | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “Il legame indissolubile Wotan Brunnhilde

  1. Bello, mistico, fantastico…….

    Mi piace

  2. Caterina, mi hai fatto venire voglia di ascoltare… no! di più : di approfondire la conoscenza di Wagner! Giuro che mi ci metto!! E mi piacerebbe tanto avere in te una guida nell’ascolto. Non tanto dal punto di vista musicologico, quanto più dal lato emotivo, che è l’approccio più vero da cui, secondo me, si deve partire per avvicinarsi ad un autore….. Il cervello può attendere…..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: