Articoli con tag: Stoyanova

AIDA a Monaco tra zatteroni, sandaletti e sneakers

 by Caterina De Simone

20150928_154704

Antonio Pappano, in occasione dell’imminente uscita della sua Aida registrata lo scorso febbraio a Roma con i complessi di Santa Cecilia e con un cast stellare, aveva recentemente dichiarato di non aver mai visto in tutta la sua vita una produzione perfetta del capolavoro verdiano. Mai come nel caso della ripresa dell’allestimento firmato nel 2009 da Christof Nel   con le scene di Jens Kilian e i costumi di Ilse Welter – Fuchs, riproposto a Monaco dalla Bayerische Staatsoper  Sir Tony ha colto nel segno. La produzione si è trascinata stancamente tra scalpi brutalmente tolti ai nemici dai guerrieri egizi, masse che vagavano in palcoscenico senza saper bene cosa fare in sandaletti bianchi direttamente provenienti dalla scarpiera di casa propria per le donne ed espadrillas  per gli uomini, sacerdoti nero vestiti che durante la scena del giudizio si aggiravano con valigetta porta documenti in mano contenente strani cappucci a mo’ di Ku klux klan prontamente indossati ,  e sbandieratori che agitavano i loro enormi drappi bianchi dalla spoglia ed anonima struttura centrale rotante e cigolante. Se si poteva comunque sopravvivere ad una regia banale  e confusa nella sua atemporalita’ , difficile è certo accettare la direzione grossolana ed incongruente di Dan Ettinger , presenza regolare all’Opera di Monaco , che è riuscito a creare scompiglio nel pur ottimo coro , direttore che ha scavato un fossato fra buca e palcoscenico imponendo una lettura fatta di lentezze estreme che si opponevano ad improvvise accelerazioni, e franando nei concertati.

20150928_221913

Onore e merito al cast vocale che tra l’altro vedeva il debutto in palcoscenico del Radamès più atteso del mondo della lirica, quel Jonas Kaufmann che dopo l’ottima prova offerta a Roma nell’Aida concertante aveva da solo riempito il teatro all’apertura della vendita dei biglietti. Il tenore di casa enfant du pays e quindi beniamino del pubblico , è stato il primo a non crederci offrendo una prova diligente nel primo atto con una celeste Aida puntuale e sfumata ma senza il pathos vibrante dell’esecuzione romana e aggirandosi sconsolato durante il trionfo ( evidentemente senza avere ricevuto alcuna indicazione di regia) . L’animale da palcoscenico,  nonché l’artista vero costretto a vivere  la produzione, si è però imposto già  nell’atto del Nilo per poi finire con il solito miracolo di fiati lunghissimi e mezze voci nella fatal pietra. Al suo fianco Krassimira  Stoyanova è stata una ottima Aida , dominando l’impervia tessitura, perfetta nei cieli azzurri  e resistendo al fiume in piena di Anna Smirnova , una Amneris dal volume importante , convincente in scena per quanto la produzione poteva offrire. L’ Amonasro di Franco Vassallo e il Re di Marco Spotti hanno portato un po’ di solida e ordinata tecnica italiana , mentre Ain Anger ha conferito al suo Ramfis la giusta protervia che l’empia razza  prescrive. Di questo allestimento purtroppo resteranno negli occhi di chi guarda i costumi infelici e mortificanti delle due protagoniste, l’armatura da tartaruga ninja su giubbotto antiproiettile indossata di sicuro senza troppo entusiasmo da Jonas Kaufmann insieme ad improponibili sneakers Superga, ma sopratutto i ridicoli zatteroni dorati , vero corso di sopravvivenza per l’ottimo Re di Marco Spotti. Musicalmente aspettiamo il vero battesimo in scena di Radamès – Jonas Kaufmann : merita decisamente di meglio.

20150928_221827

Categorie: Bayerische Staatsoper, Opera Lirica, recensioni, Verdi | Tag: , , , , , , , | 15 commenti

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: